UNO L'Università a Oristano

Consorzio UNO - L'Università a Oristano

Menu principale

La Scuola

Seminari

Campagne di scavo

Ricerca scientifica

Multimedia

Campus Life

Home > NESIOTIKA > Campagne di scavo > 2013 > Nabeul (Tunisia): alla ricerca della città sommersa
Stampa il contenuto

Nabeul (Tunisia): alla ricerca della città sommersa

2013Nabeul

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Grazie al finanziamento del Consorzio UNO e della Fondazione Banco di Sardegna, tra il 31 Agosto ed il 15 Settembre 2013 si è svolta la IV missione archeologica tunisino-italiana presso Neapolis (Nabeul).

Alla missione hanno partecipato da parte tunisina il Prof. Mounir Fantar, Ispettore dei Governatorati di Nabeul, Bou Aras e Bizerte, insieme alla Direttrice del Dipartimento di Archeologia subacquea dell'INP Ouefa Ben Slimen, i Ricercatori dell'INP Chokri Touihli e Moez Ben Achour, la specialista in epigrafia e linguistica libica Intissar Sfaxi e l'archeologa subacquea Soumaya Trabelsi. Per la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici "Nesiotika" hanno partecipato due gruppi presenti in Tunisia rispettivamente dal 31 Agosto al 7 Settembre e dal 7 al 15 settembre. Il primo gruppo era composto dagli archeologi Lorena Randazzo, Marisa Caruso, Francesca Caputo, Cristina Bazzano e Chiara Rossi; del secondo gruppo facevano invece parte gli archeologi Raul Martinez, Federica Mazza, Krizia Bologna, Alessandra Finà e Antonella Lo Porto. A seguire l'attività dei due gruppi Adriana Scarpa e Luciana Tocco dello staff del Consorzio UNO a supporto della Scuola di Specializzazione e i Professori Raimondo Zucca e Pier Giorgio Spanu.

Sede della missione, come da tradizione, la bianco-azzurra Maison de Fouille di Neapolis. Le avverse condizioni meteo hanno spinto i ricercatori, durante la prima settimana, ad effettuare i lavori sulla costa: da un lato l'apertura di un nuovo saggio di scavo (sondage I/2013), ad oriente di una struttura mosaicata, di carattere incerto, edificata su una duna presso la Protection Civile; dall'altro il prosieguo del rilevamento delle Terme nord occidentali neapolitane, scavate nel 1989 da Latifa Slim.

I risultati sono stati eccellenti poiché il saggio di scavo ha evidenziato strutture murarie, spogliate in età tardo antica, che costituiscono l'attestazione più meridionale di un complesso edilizio di Neapolis, non sommerso dal mare. Il lavoro sulle terme nord occidentali di Neapolis è stato di rilevante importanza poiché ha consentito di chiarire le fasi edilizie dell'area in questione: probabilmente durante l'Alto impero è quì che sorse uno degli edifici per le salagioni del pesce e la preparazione delle salse di pesce, documentato da due vasche con pavimento in opus figlinum. Intorno al III secolo d.C. la struttura per le salagioni venne chiusa e al suo posto fu costruito un edificio termale, a sviluppo assiale, probabilmente accessibile da sud, dove scorreva un decumanus. Si riconosce l'apodyterium (spogliatoio) dotato di un sedile in muratura, lungo il lato occidentale, con pavimento musivo in tessellato bianco e decori geometrici in tessere nere e rosse, il tepidarium, il laconicum e il calidarium. Dal tepidarium si accedeva al frigidarium con due vasche sui lati nord ed est, rispettivamente semicircolare e quadrangolare.
Nel III secolo avanzato - inizi IV secolo d.C. si è riconosciuta una nuova pavimentazione a mosaico sia dell'apodyterum, sia del frigidarium: nel primo ambiente abbiamo un tappeto di cerchi tangenti costituiti da foglie lanceolate, dentellate all'interno, mentre il frigidarium aveva un grandioso mosaico a xenia, ossia con quadretti di doni, oltreché di altri soggetti. Grazie alla generosità del Professor Mounir Fantar si è potuto analizzare l'inedito mosaico conservato nei depositi della Maison de Fouille. Il mosaico è un quadrato di m 6, 24 di lato (mq 38, 93) con 25 medaglioni recanti splendidi quadri, tra cui spicca un leprotto dagli orecchi lunghissimi intento a gustare un grappoletto d'uva che trattiene con le zampe anteriori.
Notevole anche nella Nymfarum domus di Neapolis un pannello di m 3, 73 x 2, 12 con otto medaglioni recanti xenia, estremamente simili al mosaico del frigidarium.
In età tardo antica l'edificio termale fu trasformato in una vasta domus dotata di due atri tetrastili: il primo a sud est, forse in rapporto in accesso da un cardo, il secondo nell'ambito dell'originario frigidarium. La domus ebbe nuovi pavimenti musivi di cui si conservano vari lacerti: il mosaico della domus in corrispondenza dell'antico apodyterium è costituito da un tappeto di pelte contrapposte.
Il settore settentrionale della domus tardo antica parrebbe essere ricompreso, verso la seconda metà del VI- inizi VII secolo, nella cinta muraria della città bizantina, con una robusta torre quadrangolare, in connessione con il tratto di cortina muraria con una torre, visibile nel vano seminterrato del café L'Esplanade, in Rue du savant Mohamed Tawfik Daghfous N. 28 (route touristique), di fronte all'ingresso al sito archeologico di Neapolis.

La città di Neapolis sommersa dal mare si è rivelata solo nell'ultima settimana agli archeologi subacquei: di straordinario rilievo la scoperta della prima ancora litica, in arenaria, del Capo Bon. L'ancora, triangolare, è provvista di tre fori, uno per la cima e gli altri, inferiori, per l'incastro delle marre lignee. Nonostante l'ampiezza cronologica di diffusione del tipo d'ancora, è più probabile che la stessa si riferisca ad una nave orientale, micenea, siriaca, cipriota del XIV- XIII secolo a.C. Le prospezioni e i rilievi della città sommersa, estesa fra i due oued es Sghir e Souhil, hanno documentato una eccezionale concentrazione di strutture per le salagioni, con pavimenti in opus figlinum ancora in situ e pareti delle vasche, alte anche 4 metri, crollate per i marosi nel settore compreso fra la protection civile e gli avancorpi sulla spiaggia del Club Med. Ad oriente di quest'area abbiamo invece numerosissimi resti di edifici di altra funzionalità, per circa 160 metri di lunghezza. La superficie sommersa si estende per circa 800 metri di lunghezza in senso OSO/ENE e circa 200 metri in larghezza, con una estensione teorica di 16 ettari.

La Neapolis sommersa rivela la eccezionale importanza dell'industria delle salagioni del pesce e delle salse di garum per l'economia della città: i quartieri industriali legati alla trasformazione del prodotto ittico consacrano allo stato delle conoscenze la Neapolis d'Africa come il principale produttore del settore ittico del mondo romano, dovendosi considerare ben più esteso del quartiere del garum di Lixus, che documenta una capacità di un milione di litri delle sue vasche.

Ultime Notizie

M'AMA - Avis 90 anni nel sociale M'AMA - Avis 90 anni nel sociale
26 aprile 2017 - L’AVIS Giovani Provinciale di Oristano, in collaborazione con il Consorzio UNO, ha organizzato per giovedì 27 aprile, alle ore 18.00 presso il Chiostro del Carmine

20/04/2017 Nesiotikà: dal 15 al 19 maggio un seminario di topografia, rilievo e gestione del dato archelogico

28/03/2017 Nesiotikà: ciclo di seminari "Economia e Società nella Grecia Antica" con la partecipazione del Dott. Oliver Pilz dell'Università di Mainz e della Prof.ssa Daniela Marchiandi dell'Università di Torino

27/03/2017 Nesiotikà: seminario "Il paesaggio nelle grandi opere rinascimentali: Piero della Francesca e Leonardo da Vinci" a cura della Prof.ssa Olivia Nesci (Università di Urbino) e della dott.ssa Rosetta Borchia

13/03/2017 Nesiotikà: seminari "La cronología de la expansión colonial fenicia. Una perspectiva desde el Mediterráneo Oriental" a cura del Prof. Nunez e "Gli Etruschi in Sardegna" a cura della Dott.ssa Salis

09/03/2017 Nesiotikà: seminario "Verso un'agenda dell'archeologia pubblica. Responsabilità sociale e libertà della ricerca per lo sviluppo sostenibile di un patrimonio di tutti" con i Proff. Giuliano Volpe dell'Università di Foggia e Marco Valenti dell'Università di Siena

08/03/2017 Nesiotikà: seminario "Tra le opposte sponde: Sardegna ed Etruria nella prima età del Ferro" a cura del Prof. Matteo Milletti dell'Università di Siena

07/03/2017 Nesiotikà: seminari degli archeologi minorchini Antoni Ferrer e Montserrat Anglada

 

CONSORZIO UNO Chiostro del Carmine, via Carmine - Oristano, Codice fiscale: 90021620951 - Partita IVA: 01128230958 - Iscritto al Registro Imprese di Oristano, n. 90021620951 - REA: OR - 113742
Centralino: tel. 0783 778005 - Segreteria studenti: tel. 0783 779086, Email segreteria@consorziouno.it - Privacy policy - Credits - webmail webmail