UNO L'Università a Oristano

Consorzio UNO - L'Università a Oristano

Menu principale

L'Università a Oristano

UNOrienta

Servizi

Servizi OnLine

Ricerca e Territorio

Multimedia

Notizie e Rassegna stampa

Contatti

Trasparenza


Home > Notizie e Rassegna stampa > Rassegna Stampa > 2017 > La politica si mobilita: si cerca di inserire i fondi nel bilancio 2017 già all’esame della commissione
Stampa il contenuto

La politica si mobilita: si cerca di inserire i fondi nel bilancio 2017 già all’esame della commissione

22 gennaio 2017

Finanziaria regionale, l’ancora di salvezza
di Enrico Carta

ORISTANO Calma e sangue freddo. La soluzione in fondo potrebbe non essere così traumatica e nemmeno troppo lontana. Il punto di riferimento o il parafulmine diventa a questo punto la Regione. Solo da lì possono arrivare i soldi che mettano tutti d’accordo e facciano cessare la contesa tra l’ente pubblico Provincia e il Consorzio Uno che è invece a tutti gli effetti un soggetto privato. Così mentre si cerca quell’intermediazione che i due protagonisti non sono riusciti a trovare per vari motivi – non esclusi quelli politici o di fazione –, i soldi potrebbero essere sul piatto prima di quanto si possa pensare.

È il consigliere regionale Antonio Solinas il primo a gettare acqua sul fuoco: «Abbiamo provato ad aumentare i fondi a disposizione dell’università e penso che una soluzione si troverà. È interesse di tutti arrivare a un esito positivo della vicenda per cui non dubito del fatto che i soldi arriveranno presto». In Regione sono infatti iniziate le audizioni tra la commissione al Bilancio e l’assessore per cui ai primi del prossimo mese l’argomento sarà già affrontato dall’aula dove dovrebbe arrivare il via libera allo sganciamento della scialuppa di salvataggio. Ovviamente la preoccupazione resta il leitmotiv della giornata. La parlamentare Caterina Pes dice: «Perdere l’università sarebbe un fatto di una gravità inaudita. È chiaro che la Regione deve dare immediatamente una risposta, anche perché ci troviamo nel bel mezzo dell’anno accademico con i corsi e le lezioni già attivati. Chi dà giudizi sbrigativi sulla questione dovrebbe per un momento vestire i panni di chi è costretto ad assumersi certe responsabilità. Ad ogni modo, resto fiduciosa: una soluzione la si trova per forza».

Ma la realtà va guardata in faccia e il sindaco Guido Tendas ricorda: «Purtroppo la legge impone che gli enti non possano cedere i loro locali gratis, per cui nessuno si può meravigliare della richiesta della Provincia a meno che non abbia fini diversi da quelli per cui dice di intervenire. Allo stesso tempo nessuno vuole che l’università lasci Oristano, per cui è Oristano che deve fare le giuste pressioni con la Regione che deve chiarire la sua posizione immediatamente. Parli col Comune e con la Provincia che in tutti questi anni hanno messo a disposizione dell’ateneo locali e quindi soldi».


CONSORZIO UNO Chiostro del Carmine, via Carmine - Oristano, Codice fiscale: 90021620951 - Partita IVA: 01128230958 - Iscritto al Registro Imprese di Oristano, n. 90021620951 - REA: OR - 113742
Centralino: tel. 0783 778005 - Segreteria studenti: tel. 0783 779086, Email segreteria@consorziouno.it - Privacy policy - Credits - webmail webmail