UNO L'Università a Oristano

Consorzio UNO - L'Università a Oristano

Menu principale

L'Università a Oristano

UNOrienta

Servizi

Servizi OnLine

Ricerca e Territorio

Multimedia

Notizie e Rassegna stampa

Contatti

Trasparenza


Home > Notizie e Rassegna stampa > Rassegna Stampa > 2017 > Università. Il costo della crescita, parliamone
Stampa il contenuto

Università. Il costo della crescita, parliamone

22 gennaio 2017

di SIMONETTA SELLONI
La Provincia, tra i partner dell’avventura che venti anni fa portò a Oristano alla nascita dell’Università, e quindi del Consorzio UnO, dà il benservito all’istituzione con una intimazione di sfratto. Che è anche il preavviso di un altro atto, ancora più forte: il disimpegno dalla partecipata, come impone la legge che vuole la razionalizzazione di tutte quelle emanazioni che prima la grande famiglia costituita dagli enti (Provincia, Comune) abbracciava con amorevole – e consistente bacino di interessi e consensi – sguardo. Non si può più, non ci sono fondi. E quindi accade che si ripudino figli, degradati al rango di figliastri, che non rientrano esattamente nelle finalità precise dell’ente. Forse è giusto, certamente è contenuto nella legge. E infatti la condotta del Commissario della Provincia ex moritura, assolutamente lineare dal punto di vista della contabilità e della legge, trova il consenso anche del sindaco di Oristano, altro ente pubblico socio del Consorzio. Dal quale Consorzio starebbe per uscire.

È facile criticare le decisioni di chi si trova nei posti di comando e ha sul collo il fiato della Corte dei conti. Bisogna ingegnarsi a trovare soluzioni condivise. E allora, forse mai come in questo momento, serve a questa città che tutta una classe politica si raduni attorno a un bene estremamente pregiato. L’Università vive le sue ore più difficili, basta andare a dare uno sguardo alla bacheca Fb di UnO per vedere le reazioni del bene più prezioso di questa istituzione: gli studenti. Smarriti, preoccupati. Dove andranno, cosa faranno, che ne sarà dei progetti di crescita. Paure pronte a trasformarsi in lotta: la “chiamata alle armi” del presidente parla chiaro, si venderà cara la pelle. Questi sentimenti devono animare il cuore politico della città, e capire che al di là dei proclami, è necessario fare fronte comune e esplorare soluzioni che vadano oltre le posizioni di bandiera. Francamente, non è verosimile pensare che lo sfratto venga messo in esecuzione: certo un atto formale, ma accompagnato da una forte apertura di disponibilità.

Se la legge – e le casse – impongono certi passaggi è altrettanto vero che il ritorno sociale e culturale garantito dall’Università ha, per il territorio, un valore di gran lunga superiore del prezzo fissato dalla Provincia. È il momento di dimostrarlo.


CONSORZIO UNO Chiostro del Carmine, via Carmine - Oristano, Codice fiscale: 90021620951 - Partita IVA: 01128230958 - Iscritto al Registro Imprese di Oristano, n. 90021620951 - REA: OR - 113742
Centralino: tel. 0783 778005 - Segreteria studenti: tel. 0783 779086, Email segreteria@consorziouno.it - Privacy policy - Credits - webmail webmail