UNO L'Università a Oristano

Consorzio UNO - L'Università a Oristano

Menu principale

L'Università a Oristano

UNOrienta

Servizi

Servizi OnLine

Ricerca e Territorio

Multimedia

Notizie e Rassegna stampa

Contatti

Trasparenza


Home > Notizie e Rassegna stampa > Rassegna Stampa > 2019 > Lauree e inciviltà, il comune "multa" i coriandoli
Stampa il contenuto

Lauree e inciviltà, il comune "multa" i coriandoli

24 maggio 2019

Il sindaco firma un'ordinanza che vieta i festeggiamenti selvaggi. Previste sanzioni fino a 500 euro

SASSARI - Stop all'uso di spara coriandoli, stelle filanti e coriandoli durante i festeggiamenti delle lauree a Sassari. Lo stabilisce un'ordinanza firmata oggi dal sindaco Nicola Sanna, che vieta anche l'abbandono di bottiglie vuote e altri rifiuti. I divieti stabiliti riguardano tutto il territorio comunale. La violazione dell'ordinanza è punita con la sanzione amministrativa di 500 euro.Centinaia di persone concentrate in piazza Università, euforia a mille, tasso alcolico pure, milioni di coriandoli sparati in cielo, centinaia di bottiglie e bicchieri lasciati in terra. Con le auto che avevano la sfortuna di passare davanti alla facoltà tra le due ali di folla, shakerate come cocktail. La "festa selvaggia" durante le giornate di laurea sassaresi è ormai una consuetudine, che non sembra esserci modo di arginare. A poco sono valsi infatti i moniti del rettore, che l'anno scorso, dopo che un petardone infranse i vetri della biblioteca al piano terra della sede centrale dell'università, arrivò ad assumere delle guardie giurate per mantenere l'ordine. A nulla il tentativo di moral suasion delle forze dell'ordine e della polizia municipale, presenti con discrezione durante la festa.

Dopo qualche giorno di calma e promesse infatti si ricomincia da capo. Alcol, a fiumi, bicchieri di carta e bottiglie, coriandoli e stelle filanti a quintali.É solo per far festa, potrebbe obiettare qualcuno. Che però evidentemente non si è mai avvicinato a fine serata in piazza università, con un tappeto di coriandoli che vorticando con le folate del vento si spande per tutto il parcheggio e per le vie limitrofe. Buste di immondizia per terra, decine di cannoni sparacoriandoli abbandonati sull'asfalto, le fioriere scambiate come cestini di rifiuti, straboccanti di bicchieri di plastica. E i muretti della facciata occupati da un rosario di bottiglie di spumante e di birra. E allora il Comune ha deciso di dire basta, con un'ordinanza firmata ieri che dà alla polizia municipale i mezzi per intervenire in maniera decisa durante i festeggiamenti. E aprire gli occhi a chi, nonostante la laurea, faceva finta di non voler capire.


CONSORZIO UNO Chiostro del Carmine, via Carmine - Oristano, Codice fiscale: 90021620951 - Partita IVA: 01128230958 - Iscritto al Registro Imprese di Oristano, n. 90021620951 - REA: OR - 113742
Centralino: tel. 0783 778005 - Segreteria studenti: tel. 0783 779086, Email segreteria@consorziouno.it - Privacy policy - Credits - webmail webmail